Assistenza clienti sempre disponibile, domenica e festivi compresi.

Chiudi
Fiori stabilizzati: alcune precauzioni per farli durare nel tempo

Fiori stabilizzati: alcune precauzioni per farli durare nel tempo

Chi è appassionato di fiori stabilizzati sa bene che non richiedono particolari cure: sono la “salvezza” di chi ama i fiori freschi, ma non ha tempo da dedicargli! I fiori freschi, infatti, hanno necessità di molte attenzioni: il rinnovo del taglio e il cambio dell’acqua giornalieri oltre al rimpiazzo dei fiori ogni 2 settimane perché deperiscono velocemente.

Fortunatamente, i fiori stabilizzati non richiedono manutenzioni giornaliere; sono richieste solo delle attenzioni per farli durare a lungo e non comprometterne la resistenza.

Quali sono, allora, le cure per i fiori stabilizzati?

Innanzitutto è importante chiarire che sono fiori concepiti per arredare e decorare gli ambienti interni, oltre ad essere originali omaggi floreali da regalare in varie occasioni.

Detto questo, è chiaro che, non essendo consigliati per uso esterno, “soffrono” gli sbalzi termici e gli agenti atmosferici.

Il vademecum di Aluisi Fiori, in tema di manutenzione e cure dei fiori stabilizzati, si sintetizza nei seguenti 4 punti o “4 NO”:

  • Non innaffiare;
  • Non toccare;
  • Non esporre a fonti dirette di luce e calore;
  • Non esporre in ambienti con tasso di umidità maggiore del 75%.

Rispettati i precedenti 4 punti la durata dei fiori, di almeno 3 anni, è garantita! (o quasi, perché sono sempre essere viventi)

In questo articolo è importante chiarire un dubbio che accomuna tanti e che riguarda la pulizia dei fiori stabilizzati. Molti si chiedono come pulirli se non si possono toccare o bagnare.

La risposta è più semplice (non banale) di quanto si possa immaginare: i fiori stabilizzati non si spolverano!
A supporto di questa tesi, oltre a motivazioni legate all’esperienza, è opportuno fornire una spiegazione scientifica. I fiori infatti, a differenza di tanti oggetti come la televisione, hanno una carica elettrostatica bassissima, quasi uguale a zero. Non avendo ioni positivi, non attirano in alcun modo le polveri. Qualora dovessero depositarsi polveri “da caduta”, è possibile rimuoverle con un phon ad aria fredda e “getto dolce” oppure con un piccolo pennello a setole morbide.